martedì 1 marzo 2011

STOPCAPORALATO, FIRMA ANCHE TU, PER UNA LEGGE CHE PUNISCA QUESTO CRIMINE

 
 STOPCAPORALATO.
 
FIRMA ANCHE TU,
 
PER UNA LEGGE CHE PUNISCA QUESTO CRIMINE
 
Ora
Oggi alle 19.30 - 30 giugno alle ore 22.30

Luogo
www.stopcaporalato.it

Creato da

Maggiori informazioni
La campagna “STOP CAPORALATO” è promossa dalle categorie della Cgil Fillea e Flai, che rappresentano i lavoratori edili e quelli dell’agro-industria, ed ha il fine di sollecitare il Parlamento italiano ad approvare una legge che riconosca il caporalato un reato in quanto talee preveda pene e sanzioni adeguate alla gravità sociale ed economica di questo crimine.
La campagna si svilupperà per l’intero 2011 attraverso iniziative su... tutto il territorio nazionale ed in particolare in tutte quelle zone d’Italia dove il caporalato è particolarmente diffuso e radicato.
Verranno realizzate manifestazioni, assemblee con i lavoratori, camper,gazebo, campagne di stampa, presidi nei cosiddetti “mercati delle braccia” con il coinvolgimento delle istituzioni locali e di tutte quelle realtà associative impegnate a vario titolo nella difesa deilavoratori e dei cittadini migranti.


APPELLO: PER UNA LEGGE CONTRO IL CAPORALATO
Il fenomeno del “caporalato” è particolarmente presente nei settori dell’edilizia e dell’agroindustria, dove un numero sempre maggiore di operai e braccianti, italiani e migranti, sono sottoposti al ricatto ed allo sfruttamento da parte di caporali, spesso al soldo di organizzazioni criminali.
Su questa diffusa realtà talvolta si sono accesi i riflettori dei mass media, imponendo all’attenzione di tutti la triste realtà del lavoro nero e delle condizioni disumane in cui sono costretti migliaia di lavoratori. Avvenne un anno fa con la rivolta di Rosarno, avviene talvolta in occasione di una tragedia in cantiere. Ma purtroppo, passato il clamore tutto rimane come prima ed i lavoratori continuano ad essere soggiogati al ricatto di questi criminali pur di poter continuare a lavorare onestamente.
Le nostre stime prudenziali indicano in 550mila il numero complessivo dei lavoratori nelle mani dei caporali ed il oltre 800mila i lavoratori a nero.
Occorre intervenire. Ed occorre fare presto, perché la crisi economica sta rendendo questa zona oscura di irregolarità e sfruttamento, di assenza di diritti e di profitti criminali, sempre più vasta ed incontrollabile. Possiamo dire con certezza che il fenomeno del caporalato, fino a qualche anno fa endemico solo in alcune zone del Mezzogiorno, oggi è una realtà radicata e strutturata su tutto il territorio nazionale.
Occorre intervenire. A partire dalla definizione giuridica di questo reato, non ancora definito nella sua pericolosità sociale: esso viene infatti punito con una sanzione amministrativa di 50 euro per ogni lavoratore reclutato, e solo in presenza di aggravanti, quali violenza, riduzione in schiavitù, sfruttamento di minori scattano l’arresto e le adguate sanzioni penali. E’ ciò che avvenne nella imponente operazione dell’aprile scorso a Rosarno, quando per la prima volta dai Tg vedemmo finalmente i caporali tradotti in Questura con le manette ai polsi, esattamente come qualunque altro criminale colto in flagranza di reato.
Occorre intervenire. Tutti, ciascuno per quello che può, affinchè venga superato questo ingiusto vuoto legislativo. Per tutto questo, proprio dalle categorie degli edili e dell’agroindustria della Cgil è partita in questi giorni la campagna STOPCAPORALATO, con l’obiettivo di porre all’attenzione di tutti la necessità che si intervenga subito per contrastare questo processo pericolosissimo che rischia di cambiare i connotati del mercato del lavoro e di segnare irrimediabilmente il futuro di quella parte sana del nostro sistema produttivo, alle prese con due nemici, la crisi e la concorrenza sleale dell’impresa irregolare ed illegale.

Per questo, rivolgiamo un appello a tutte le donne e gli uomini di buon senso, a tutto il mondo del volontariato e dell’associazionismo, al mondo della cultura, dell’informazione, dello spettacolo, dello sport, agli imprenditori e alle loro associazioni, ai giovani ed agli studenti, alla società civile tutta, affinchè facciano propria la nostra richiesta:

CHIEDIAMO AL PARLAMENTO DI:
1) RICONOSCERE IL CAPORALATO UN REATO IN QUANTO TALE
2) PREVEDERE PENE E SANZIONI ADEGUATE ALLA GRAVITA’ SOCIALE ED ECONOMICA DI QUESTO CRIMINE
3) INTRODURRE CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA PER I LAVORATORI MIGRANTI NON IN REGOLA COL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE VOGLIONO DENUNCIARE I PROPRI SFRUTTATORI.

Per adesioni e per prelevare tutti i materiali ed i banner della campagna: www.stopcaporalato.it

E’ possibile mandare anche video-adesioni, che chiediamo non superino i 30 secondi di durata. Tutti i contributi verranno pubblicati sul sito della campagna e sui canali You Tube di Fillea, Flai e Cgil.
Per qualunque informazione: info@stopcaporalato.it

Stefania Crogi e Walter Schiavella
Segretari Generali di Flai Cgil e Fillea Cgil
 
.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

Elenco blog AMICI

  • CACHESSIA - La cachessìa o sindrome da deperimento è una perdita di peso, atrofia muscolare, stanchezza, debolezza e significativa perdita di appetito in un individ...
    1 giorno fa
  • TRADIZIONI POLACCHE - La storia culturale della Polonia può essere fatta risalire al Medioevo. Nella sua interezza, essa può essere divisa nei seguenti periodi storici, filos...
    1 giorno fa
  • Stefano Rodotà, grazie professore - Le abbiamo voluto bene come a un padre Si dice “padri della patria” per indicare chi ha fatto da guida. Salutando Stefano Rodotà, dobbiamo dire addio a u...
    1 giorno fa
  • Rete Neurale dei Legami di Coppia - I ricercatori della Emory University hanno fatto passi avanti nella comprensione del codice neurale che regola l’accoppiamento. Le vie che portano al...
    2 settimane fa
  • Salviamo gli Oceani dalla Plastica - Salviamo gli Oceani - Basta plastica ! Entro il 2050, negli oceani ci sarà più plastica che pesci. È una vergogna. Metà della plastica la usiamo una vol...
    2 settimane fa
  • MAGNESIO - MAGNESIO: il minerale che aiuta a curare quasi tutto E’ lo scarto del sale, ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi e svolge un ruolo fonda...
    3 settimane fa
  • Privacy Policy e Google Analytics - Google ha iniziato ad apportare alcune modifiche alla funzionalità di Remarketing di Google Analytics, arricchendola con le informazioni e i dati cross-d...
    1 mese fa
  • Origini della festa della Mamma - *Origini della festa della MammaVIVA TUTTE LE MAMME DEL MONDO* Edoardo Bennato - Viva la mamma - Ogni anno, la *seconda domenica di maggio*, si ce...
    1 mese fa
  • Il Tuo Biglietto da Visita : il Sito Internet - . [image: http://www.cipiri.com/] *Sono Web Designer , Web Master e Blogger . * *Creo il Vostro Sito Internet: * *Leggero e Responsive , **Visibile e Di...
    1 mese fa
  • Per La Tua Azienda - . [image: http://www.cipiri.com/] *Sono Web Designer , Web Master e Blogger . * *Creo il Vostro Sito Internet : * *Leggero e Responsive , **Visibile e Di...
    1 mese fa