loading...

venerdì 13 aprile 2018

Scatenarono il Panico in Piazza 8 Arresti



Nuovi sviluppi dopo la chiusura indagini di ieri sui fatti di Piazza San Carlo del 3 giugno 2017. Questa mattina otto persone sono state arrestate a Torino perché sospettate di avere scatenato il panico nella piazza, mentre la folla guardava la finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, spruzzando dello spray urticante. A coordinare l'operazione condotta dalla polizia il procuratore Armando Spataro. Gli arrestati sarebbero tutti maggiorenni e di origine maghrebina, il gruppo sarebbe stato identificato attraverso delle intercettazioni nell'ambito di un'altra indagine.

"Sono stati emessi 10 provvedimenti cautelari: sei arresti in carcere, uno ai domiciliari e tre obblighi di presentazione alla pg", ha spiegato il procuratore di Torino, Armando Spataro, in conferenza stampa. Sono invece 15 gli avvisi di conclusione di indagine preliminare inviati dalla procura, sette invece le richieste di archiviazione tra cui quella per il prefetto di Torino, Renato Saccone.

Sono in particolare quattro le persone sospettate di aver scatenato il panico in piazza spruzzando spray urticante allo scopo di derubare. A carico di due queste sono stati emessi provvedimenti di fermo che sono stati eseguiti nella notte. Uno dei fermati ha confessato nel corso dell'interrogatorio, per il secondo invece l'interrogatorio è ancora in corso. Tra le accuse contestate ai due l'omicidio preterintenzionale per la morte di Erika Pioletti, oltre a rapina e lesioni aggravate.

I quattro facevano parte di una banda di 10 persone, tutte raggiunge dalle misure cautelari eseguite questa mattina, che agendo in concorso hanno commesso una serie di furti e rapine ai danni di esercizi commerciali e in manifestazioni musicali in Italia e 
all'estero utilizzando spray urticanti per garantirsi la fuga.


LE VITTIME - "Erika non c’è più e nulla di quello che succede e succederà ce la potrà restituire". Così, Cristina Pioletti, sorella di Erika, la giovane donna travolta dalla folla e deceduta alcuni giorni dopo per le ferite riportate. "Non c’è nulla da dire", aggiunge.

"Dal nostro punto di vista non cambia nulla. L'unica cosa che ci preme, come è stato fin da subito, è la salute della mamma per la quale ci auguriamo si possa accedere a percorsi che le consentano di vivere in maniera dignitosa la sua condizione", aggiunge all’Adnkronos Danilo, il figlio di Marisa Amato, la donna che nella tragica notte del 3 giugno scorso rimase schiacciata dalla folla in fuga dalla piazza riportando danni gravissimi alla colonna vertebrale che l'hanno resa tetraplegica, commenta gli sviluppi dell’inchiesta della magistratura.

La signora da ormai 10 mesi è ricoverata in ospedale, attualmente all'Unità spinale del Cto. "Mia mamma sta un po’ meglio ma è dura, è una donna forte e cerca di restare positiva, ma certo non è facile accettare questo tipo di condizione", aggiunge Danilo che insieme alla sorella Viviana e al papà Vincenzo da quella notte si alternano al capezzale della mamma e per aiutarla hanno anche aperto una pagina Facebook 'Aiutiamo Marisa Amato' con l’obiettivo di raccogliere fondi e costituito una Onlus ‘I sogni di nonna Marisa’ con l’obiettivo di aiutare chi si trova
 nella medesima condizione e i familiari.



  
IL TUO FUTURO ADESSO 
entra in



loading...

Elenco blog AMICI