martedì 23 ottobre 2012

Slow Food: Terra Madre e Salone del Gusto



SALONE DEL GUSTO E TERRA MADRE 2012: UN UNICO EVENTO


- -

 Il Salone del Gusto ti aspetta a Torino, dal 25 al 29 ottobre 2012. Vieni a scoprire i cibi che cambiano il mondo!

Quest’anno il Salone del Gusto e Terra Madre sono una cosa sola. È la grande novità, un evento storico per tutto il movimento internazionale Slow Food, per Torino, per il Piemonte e per tutti gli affezionati visitatori che seguono il Salone Internazionale del Gusto fin dalla sua prima edizione, nel 1996.

Le due manifestazioni portano a compimento un percorso già tracciato a partire dal 2004, l’anno in cui è nata Terra Madre, e che le ha viste sempre affiancate in una scelta precisa e consapevole: il mondo del cibo e della gastronomia non possono prescindere da chi lavora la terra, da chi trasforma ogni giorno la natura in cultura, da chi sente su di sé, sui suoi campi e sulla propria comunità il peso di problemi ecologici, climatici, economici, sociali sempre più soffocanti.
L’evento Salone del Gusto e Terra Madre 2012 si pone come una grande narrazione collettiva, completamente aperta al pubblico (e gli incontri di Terra Madre lo sono per la prima volta). Si parte dal racconto delle persone e dei territori per gustare meglio, capire di più, incontrare e scambiare. La rete delle comunità del cibo si unisce all’incredibile patrimonio del Salone, fatto di produttori, cuochi, Laboratori del Gusto, attività educative, Presìdi Slow Food, lo arricchisce e offre nuove opportunità ai visitatori, con tutti gli appuntamenti classici e un fitto programma di conferenze. Le storie dei protagonisti di Salone del Gusto e Terra Madre 2012 ci raccontano di come si può cambiare il paradigma che regola questo mondo in crisi a partire dal cibo. E dimostrano che possiamo fare qualcosa di buono per la nostra salute, l’ambiente e il sistema produttivo senza rinunciare al piacere del cibo e alla convivialità.




Ecco perché abbiamo scelto come slogan di questa edizione “Cibi che cambiano il mondo”. Un progetto rivoluzionario, che però richiede un nuovo modo di pensare: noi ci mettiamo i cibi, voi metteteci la testa!

--


.
 .
 .

-

domenica 21 ottobre 2012

UNESCO: Opera Lirica Italiana patrimonio dell'umanità


Cantori professionisti d'Italia, un’associazione di cantanti lirici  italiani e stranieri residenti in Italia, è promotrice della candidatura per l’inserimento dell’Opera Lirica Italiana nella lista del Patrimonio Immateriale dell'Umanità.
Questo per dare una risposta forte e dimostrare che l’opera lirica non è  un meccanismo improduttivo, né può essere considerato un male trascurabile se i teatri d'opera italiani iniziano a chiudere i battenti.
In questo progetto non c'è alcuna volontà di affermare la vera o presunta supremazia dell'opera italiana rispetto alle sue consorelle straniere. Piuttosto vogliamo esprimere il desiderio di diffondere e preservare un bene che è ambasciatore della cultura italiana all'estero, che ha svolto un ruolo fondante nella diffusione della lingua nella Penisola e che riteniamo patrimonio identitario della Nazione. Vogliamo altresì costruire una comunità solida e creativa che senta la necessità di riflettere sulle responsabilità che tale riconoscimento comporterebbe, coltivando in questo modo l’ambizione di creare una nuova opportunità per rilanciare la produzione  artistica  e culturale italiana.
Invitiamo quindi tutti coloro che fossero sensibili al nostro progetto (privati cittadini, musicisti, critici, studiosi o appassionati, teatranti, associazioni, fondazioni liriche, enti, istituzioni) a partecipare alla raccolta firme e a propagandare questa  iniziativa.

www.cantoriproitalia.it
https://www.facebook.com/groups/342932962439408/?ref=ts&fref=ts
cantoriprofessionistiditalia@gmail.com
Ricordate che la vostra firma non sarà valida fin quando non risponderete alla mail che Firmiamo.it vi invierà. Se non la trovate nella casella di posta controllate in quella "spam".

http://firmiamo.it/unesco-opera-lirica-italiana-patrimonio-umanita/
-


.
 .
 .

-

venerdì 19 ottobre 2012

RADIO MOVIMENTO 5 STELLE NAZIONALE


CREAZIONE DELLA RADIO "MOVIMENTO 5 STELLE NAZIONALE"
Creata il Mercoledì alle 16:43 da Movimentocinquestelle Pedara


Carissimi amici,
in questo periodo di elezioni siciliane, ci stiamo rendendo conto di quanto il web sia potente come mezzo di comunicazione, ma, aimè non è accedibile a tutti. Il mio pensierò va a quelle famiglie, che in un momento di crisi come questo, non hanno la possibilità di avere un pc o una connessione ad internet. Andando a ritroso nei tempi, ho cercato di capire come i nostri parenti si mettevono in contatto o comunicavano su rete nazionale. Tra tutti, escludendo, tv e giornali per i costi che ci sarebbero da affrontare, quella che resta sempre attuale e "libera" ,è la radio. Da qui nasce la mia idea: creare una radio "MOVIMENTO CINQUE STELLE" , per permettere a chiunque, vista la semplicità e la diffusione che la radio ha, considerando anche il costo zero da parte dell'ascoltatore, di tenersi informato realmente su ciò che accade in Italia da nord a sud, garantendo un informazione libera e vera. La radio, dato che nessuno di noi ha intenzione di specularci sopra, andrebbe ad autofinanziarsi con i soldi delle varie pubblicità che si andrebbero a trasmettere. Ovviamente la radio, andrebbe a fornire tutti iservizi che le altre offrono ( musica ed intrattenimento su tutto ). Se la mia idea vi piace, facciamola diventare nostra, firmiamo e diffondiamo la petizione in modo che tutti possono firmare qual'ora fossero daccordo.
Speriamo di riuscire...
W la Sicilia e l'Italia tutta!
Sapienza Gabriele

http://firmiamo.it/creazione-della-radio--movimento-5-stelle-nazionale/
-


.
 .
 .

-

giovedì 18 ottobre 2012

BANNER: MY BLOG IN THE WEB

MY BLOG IN THE WEB





BLOG DI CIPIRI

BICICLETTA

FREE WEB
                             

SALUTE E BENESSERE

PC

LAVORO

ECOLOGIA


SCIENZA
AMORE

RIDERE

SESSO E DINTORNI

RICETTE

VIDEO

ZODIACO

LEONARDO


VENDO REGALO


CORPI DIPINTI
CARNAVAL FANTASIAS
LINK
                                          
BANNER
LIBRI
                                 
ENERGIAINFINITA
               
CLICCA SUI BANNER PER SAPERNE DI PIU'

BANNER: MY BLOG IN THE WEB:                                ...

CLICCA SUI BANNER PER SAPERNE DI PIU'
-

.
 .
 .
-

No alle cattedre di 24 ore


No alle cattedre di 24 ore. Fermiamo il ministro Profumo

La proposta di Profumo di aumentare il numero delle ore di insegnamento da 18 a 24 è perniciosa e creerà ulteriore scompiglio nelle vite di migliaia e migliaia di famiglie di docenti e di studenti.
Non si tratta soltanto di un ennesimo attacco al salario (l'aumento delle ore, infatti, non equivarrebbe a un aumento dello stipendio mensile!). Se dovesse passare il piano che il Ministro dell'Istruzione ha intenzione di proporre, le condizioni di lavoro degli insegnanti di ruolo diventerebbero a dir poco disumane.
Facciamo un esempio.
Un insegnante di francese delle medie, per arrivare a 24 ore, dovrebbe insegnare in dodici classi, partecipare alle riunioni di dodici consigli di classe (lavorando così per molte ore pomeridiane in più, che peraltro non verrebbero computate) e correggere un numero spropositato di verifiche scritte (anche questo lavoro non computato per lo stipendio mensile).
In ogni caso, l'aumento naturale degli impegni pomeridiani andrebbe a sottrarre tempo alla fase della preparazione delle lezioni e del materiale didattico, con un naturale scadimento della qualità dell'insegnamento.
La cosa peggiore, però, è che l'aumento delle ore di un terzo rispetto a quelle attuali comporterebbe anche un taglio di un terzo delle cattedre attualmente presenti nel nostro paese!
Le conseguenze, in termini di costi umani, sarebbero perniciose. I precari, che in tutti questi anni hanno sopperito a tutte le situazioni di emergenza che si sono create nella scuola italiana, perderebbero la speranza di lavoro. Un terzo degli insegnanti di ruolo (in genere i più giovani) potrebbero invece perdere il posto nelle loro sedi di titolarità, e, precarizzati a loro volta, diventerebbero il serbatoio umano (probabilmente pagato a cottimo) per le ore di supplenza che attualmente sono affidate con contratto a tempo determinato proprio ai precari.
E' dunque un dovere sociale firmare questa petizione, per difendere la qualità dell'istruzione delle nostre scuole e per tutelare la qualità di centinaia di migliaia di vite umane che, senza alcuna responsabilità, pagherebbero il costo di una crisi che non hanno causato.

http://firmiamo.it/lascuolanonpaghilacrisi
-


.
 .
 .

-

mercoledì 17 ottobre 2012

Giornata Mondiale di lotta alla povertà

 Nella foto particolare di un'opera di Camara (Profugo maliano)

FOCUS-Casa dei Diritti Sociali il 17 ottobre in occasione della Giornata Mondiale di lotta alla povertà presso il Centro Esquilino in via Giolitti, 225 Roma propone una serie di eventi dai quali partire per ragionare sui temi della povertà, dell'esclusione sociale, delle disuguaglianze e sulle pratiche da mettere a sistema per fronteggiare fenomeni così complessi insieme alle persone in povertà di diritti.

Il programma della giornata prevede l'apertura straordinaria della sede di Via Giolitti 225, dalle ore 14.00 fino a sera partirà la raccolta di indumenti da distribuire per tutto l'inverno alle persone che si rivolgono ai nostri servizi. A partire da mercoledì 17 ottobre e per tutti i mercoledì delle settimane successive ognuno potrà portare in sede vestiario e materiale in buono stato per il prossimo inverno (cappelli, giubbini, sciarpe)
Alle ore 14.00 su iniziativa di ATD Quarto Mondo presso il Senato della Repubblica si terrà l'audizione di quattro persone senza dimora e in condizione di povertà che verranno ascoltate dalla Commissione Diritti Umani del Senato: le persone coinvolte avranno l'opportunità di portare all'attenzione delle Istituzioni, senza altre mediazioni, il punto di vista di chi vive in una condizione di senza dimora.
Siamo immersi in un modello di crescita senza sviluppo, tragicamente aggravato dalla crisi economica, che tende ad accentuare le disparità di reddito e, quindi, lo stato di povertà, specialmente di alcune categorie di cittadini. La causa strutturale della povertà risiede nell'incapacità dei sistemi economico-produttivi e di welfare di ridistribuire equamente le risorse e le opportunità, provocando forti diseguaglianze.
In Italia tali diseguaglianze sono diffuse e stanno aumentando, ma il problema non viene affrontato efficacemente, benché si tratti di un elemento essenziale per la vita sociale di
ogni paese. La conseguenza di ciò é che, sempre più spesso, uomini e donne che vivono il nostro Paese, siano essi italiani o migranti, si ritrovino costretti ad affrontare quotidianamente emergenze gravissime ed intollerabili. I diritti fondamentali, come quello alla salute, all'istruzione, all'abitare e all'infanzia sono così continuamente calpestati.
L'obiettivo finale del percorso che proponiamo, attraverso l'incontro e il confronto con diverse realtà cittadine, è quello di costruire strategie locali di lotta alle povertà e reti territoriali in grado di implementarle.

Leggi il programma

Con la partecipazione di: A Modo Bio, Arci di Roma, Cemea del Mezzogiorno, Medici contro la tortura, Medici per i Diritti Umani, Cittadinanze e Minoranze, Popica onlus, Primavera romana, Rete di sostegno ai mercatini rom aderente ad operatori nazionali dell'usato, Senzaconfine, Stalker, Umubyeyi Mwiza Onlus, Un ponte per…



Info e contatti
FOCUS-Casa dei Diritti Sociali
via Giolitti, 225 Roma
net@dirittisociali.org
www.dirittisociali.org
06.4461162
http://dirittisociali.org/attualita/2012/10/17-ottobre-giornata-mondiale-di-lotta-alla-poverta.aspx

EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/428119770585229/430185820378624/?notif_t=plan_mall_activity

-


.
 .
 .

-

martedì 16 ottobre 2012

BLOG DI CIPIRI: Michele Santoro: in onda il 25 ottobre su La7

in onda il 25 ottobre su La7



Servizio Pubblico torna in onda il 25 ottobre su La7 e in streaming...

BLOG DI CIPIRI: Michele Santoro: in onda il 25 ottobre su La7: Servizio Pubblico torna in onda il 25 ottobre su La7 e in streaming su www.serviziopubblico.it  - -  Michele Santoro finalmente to...

-

.
 .
 .
-

Elenco blog AMICI